Informazioni turistiche Alto Adige - hotel Alto Adige Best Western Italia

Informazioni Turistiche: Alto Adige

Hotel Alto Adige - Best Western Italia

Cenni Storici: Alto Adige e dintorni

Padrona delle "montagne più belle d'Europa", le Dolomiti, e attraversata dalle acque tranquille del fiume Adige che le dà il nome, l'Alto Adige si caratterizza, tra le regioni italiane, come un'eccezione sotto tutti i punti di vista. Eccezionale è la sua storia, che da secoli la vede divisa tra il mondo germanico e il mondo latino, ed eccezionale è il suo presente, un caso di convivenza pacifica e fruttuosa tra diverse culture e diverse lingue, in un territorio di straordinaria bellezza e prosperità.
Appartenente all'Impero asburgico fin dal Medioevo, l'Alto Adige è divenuto italiano solo dopo la Prima guerra mondiale, nel 1918. Una larga autonomia amministrativa, fiscale e culturale, conquistata dopo decenni di relativa tensione con il governo italiano, rende oggi pacifica e fruttuosa la convivenza tra la popolazione di lingua tedesca, quella di lingua italiana e la minoranza ladina, permettendo a tutti gli abitanti di vivere e prosperare in una terra dalle molte risorse.
Quasi interamente montuosa, la regione è composta da una lunga valle centrale, la Valle dell'Adige, e da valli secondarie (Martello e d'Ultimo, a ovest, e Senales, Passiria, dell'Isarco e Pusteria a est, più Val Badia e Val Gardena). Ognuna di esse è un piccolo gioiello naturalistico, in cui coltivazioni di eccellenza (vino, mele, persino fragole) si alternano a boschi di incomparabile bellezza. Sulle montagne altoatesine si trovano alcuni dei comprensori sciistici più famosi d'Europa, mentre d'estate i bellissimi paesi delle valli sono meta di un turismo intelligente e rispettoso, interessato al trekking sui sentieri di vetta e al riposo in una natura incontaminata. Impossibile citare tutte le località che meriterebbero una visita. Dai gioielli del turismo (S. Vigilio di Marebbe in Val Pusteria, Corvara in Val Badia, S. Cristina in Val Gardena solo per citarne alcune) alle meraviglie della natura. Certo non può mancare, però, una passeggiata tra le eleganti vie di Bolzano, vera capitale della regione, né tra le case colorate e decorate di BressanoneMeranoVipiteno, per respirare l'aria mitteleuropea di questo tesoro d'Europa.

Alto Adige da vedere

Se l'Alto Adige è per tutti la regione della neve, è interessante scoprire che essa può riservare al visitatore anche luoghi e scorci quasi mediterranei, dal clima mite e dalla natura rigogliosa. È il caso dell'Altipiano del Renon, presso Bolzano, e della Strada del Vino di Appiano, nell'area meridionale della regione.
L'altipiano del Renon, che gli amanti della montagna chiamano la "Riviera delle Dolomiti" per il suo clima mite, è un altipiano pianeggiante a oltre mille metri d'altezza, in cui dodici paesi di grande bellezza accolgono i bolzanini nelle gite del fine settimana. Famosi il trenino elettrico che attraversa l'altopiano, il miele profumatissimo che qui si produce e il vino S. Maddalena, le cui viti crescono fino a mille metri d'altitudine. Sempre per chi è in cerca di prelibatezze gastronomiche e di vini pregiati, impedibile è la Strada del Vino, che passa da Appiano e dalle altre località rinomate per la produzione vinicola, ai confini con il trentino.

Eventi

Svariati e diversissimi sono gli appuntamenti gastronomici, culturali e sportivi che l'Alto Adige offre, sia nella stagione estiva che in quella invernale. Tra i più sentiti e divertenti, senza dubbio ci sono i mercatini di Natale, organizzati a Bolzano e nei centri maggiori della regione nelle due settimane che precedono la festività natalizia. Vi si trovano golose specialità gastronomiche, artigianato in legno di pregevole fattura e ovviamente ogni tipo di addobbo natalizio.

Gentile utente, vogliamo comunicarti che questo sito utilizza cookie di profilazione propri e di siti terzi per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Se accedi a qualunque elemento sottostante a questo banner o clicchi la "X" presente all'interno dello stesso, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.